Bizzarri impianti di Videosorveglianza

Centrale IF-IF LEM sat32

La nostra azienta ha installato in un condominio,  quindi sul  campo, la nuovissima centrale IF-IF SAT 32,  dell'Italiana LEM ELETTRONICA, fornita alla nostra azienda in anteprima, la centrale è in uscita a giorni, da Comilazio srl
Lem Elettronica s.r.l. da oltre 30 anni progetta e realizza in proprio componenti attivi e passivi per applicazioni TV terrestri e satellitari.
SAT32 un nuovo prodotto che abbiamo voluto provare per primi su ROMA,  è una centrale IF sat che permette di trasportare con un unico cavo coassiale, 32 trasponder satellitari, dei quali 25 sono necessari per la visione del pacchetto completo SKY Italia, 5 per il pacchetto TVSAT e 2 per eventuali usi futuri o per aggiungere altri trasonder di vostro interesse.

Leggi tutto

Lista canali digitali DTT (MUX) 25 gennaio 2017

Digitale Terrestre Roma

 Tabella canali digitali o più propriamente MUX DTT di Roma, aggiornata al 25 gennaio 2017

>> Clicca QUI per la LISTA <<

Lista di transponder ordinati per canale, in caso di problemi con alcuni apparecchi che non sintonizzano i canali RAI in VHF,
provare ad utilizzare, nella modalità paese del menu sintonia,  la Spagna.

 

La numerazione LCN sembra funzionare, anche se alcuni decoder segnalano alcuni conflitti.

 Per la lista cliccare qui,    il file è in formato PDF

Per installazioni antenne terrestri e satellitari ed assistenza tecnica:

Osvaldo Bizzarri
- tel 335 8117997-
mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

  La lista con la composizione dei vari MUX può essere scaricata da questo link : Mux DTT Roma

banner1

Impianti centralizzati TELEVES a ROMA

 
 

Televes-Bizzarri-impiantiLa realizzazione di un impianto centralizzato è sempre per noi motivo di orgoglio, per questo la realizzazione viene eseguita con la massima cura e professionalità, cercando di utilizzare ciò che di meglio offre il mercato, prestando attenzione anche ai costi.
Eccovi un esempio di lavoro da noi realizzato utilizzando componenti di altissima qualità della TELEVES.televes-logo-300x168

 

Impianto realizzato in uno stabile nei pressi di piazza Ungheria a Roma, per ricezione Digitale Terrestre e Satellitare.

 

Il parco antenne è composto da: un'antenna di banda UHF che riceve i segnali provenienti dal ripetitore di Monte Cavo, ed un'antenna di banda VHF e riceve i segnali dal ripetitore di Monte Mario.
Come antenna di IV e V banda la nostra scelta e caduta sulla migliore antenna del momento, la TELEVES 1495 DAT HD con sistema BOSS-TECH tecnologia esclusiva TELEVES che equalizza i segnali ricevuti in tempo reale, per la banda  III VHF abbiamo invece optato per la TELEVES 1065 adatta a ricevere il MUX 1 della RAI.

Cliccando sulla foto se ne può ingrandire la visione

Leggi tutto

Televes DAT 75 HD Boss-Tech

 

La DAT HD 75 BOSS-Tech è un'antenna straordinaria, progettata per funzionare sia in modo automatico che in modo passivo, come una antenna convenzionale.
Nella modalità BOSS-Tech attivata, il sistema regola automaticamente il livello di uscita al livello corretto, attenuando i segnali forti ed amplificando i segnali più deboli.
Sia nella modalità passiva che nella modalità Automatica con BOSS-Tech attivo, l'antenna DAT 75 HD BOSS offre caratteristiche esclusive per ottenere la migliore ricezione del digitale terrestre anche in zone critiche.

DAT75BOSS-2

 

DAT75BOSS-carat

La straordinaria tecnologia boss-tech, è stata sviluppata per ricevere "da lontano’; quindi, ideale per installazioni critiche, questa antenna è particolarmente adatta a zone dove i segnali possono subire alterazioni o in zone di difficile copertura.

Caratteristiche di tutto rispetto fanno della Televes DAT 75 HD Boss-Tech la migliore antenna disponibile in commercio.

 

DAT75BOSspec

 

Per info ed installazioni rivolgersi a :

Osvaldo Bizzarri
Tel 335-8117997

Quanto costa installare un'antenna TV

"Quanto costa installare un impianto di ricezione televisiva digitale terrestre?"

 Premesso che tutti gli interventi devono assicurare due aspetti fondamentali: la sicurezza e la funzionalità degli impianti, si evidenzia che la sicurezza prevista dalle norme tecniche di settore deve essere assicurata a prescindere, mentre la funzionalità può costituire trattativa tra le parti negli impianti singoli.
 

Per gli interventi su impianti centralizzati, ai fini della funzionalità, è invece necessario considerare il dettato del DM 11 novembre 2005 “ Regole tecniche relative agli impianti condominiali centralizzati d'antenna riceventi del servizio di radiodiffusione nonchè la normativa CEI 100.7 nella sua ultima edizione.
La legge prevede inoltre che per l'installazione di antenne ed impianti elettronici siano presenti dei requisiti tecnici e l'abilitazione di un responsabile tecnico ai sensi del DM 37/08, art. 1, comma 2, lettera b.

antennefull



Generalmente il costo di installazione di un sistema di ricezione televisiva terrestre, o satellitare può variare in base a molti fattori tra i quali: la qualità dei materiali impegati ed il tipo e la quantità di lavoro da eseguire.
Molto spesso vediamo scritto o sentiamo parlare in TV qualcuno che afferma, senza le dovute competenze, che con cifre bassissime si può installare un'antenna. Questo purtroppo non risponde al vero, anche se a volte amici o conoscenti si dilettano nell'installazione di antenne e lo fanno a titolo di rimborso spese, con risultati spesso molto deludenti, si perche, in alcuni casi installare un'antenna può risultare semplicissimo, mentre in altri può risultare difficilissimo, per questo si usa dire che "ogni antenna fa storia a se".

Leggi tutto

Centrale Televes Avant HD

Centrale TELEVES Avant HD. Ref. 5328

La nuova centrale di amplificazione, evoluzione della Avant 5, ora costruita pensando all'alta definizione ed al digitale terrestre. 
Centrale di testa analogica/digitale programmabile, utilizzabile sia su villette unifamiliari che collettive oppure su impianti centralizzati, la centrale è caratterizzata da una estrema facilità di installazione, una elevata affidabilità, basso consumo. La programmazione della centrale può avvenire per mezzo di un apposito programmatore esterno oppure attraverso un personal computer.

Leggi tutto

Come funziona un LNB SCR unicable

SCR_unicableUn LNB Unicable riceve i segnali satellite come un classico LNB universale. Le 4 bande (VH, HH, VL, HL), vengono ricevute attraverso lo stesso circuito di amplificazione a basso rumore. I segnali di ciascuna banda sono poi convertiti in banda-L con i 2 oscillatori locali per le bande alta e bassa. A questo punto i segnali vengono inviati attraverso una matrice ai chip SCR. Il processore SCR prende il canale richiesto da uno dei decoder collegati e attraverso il microcontrollore UniCable, effettua una seconda conversione su una delle frequenze IF prestabilite, ciascuna con il proprio filtro e il proprio guadagno sul singolo cavo. Un LNB Unicable altro non è che un mini router di canale che assegna a ciascun utente una frequenza IF fissa e tutti i canali ricevibili vengono convertiti su quella frequenza. Per questo è possibile avere più utenti indipendenti su un solo cavo.

Output IF Channel 1 (SCR0) 1210 MHz
Output IF Channel 2 (SCR1) 1420 MHz
Output IF Channel 3 (SCR2) 1680 MHz
Output IF Channel 4 (SCR3) 2040 MHz

Leggi tutto

I connettori, cerchiamo di non sottovalutarli.

Uno dei componenti dell’impianto al quale spesso viene data troppa poca importanza è il connettore “F”, da molti considerato un elemento trascurabile ai fini di una buona ricezione dei segnali televisivi.
In realtà una connessione “povera” o comunque non eseguita nei dovuti modi, può essere la causa di gravi disturbi sulla rete distributiva, tanto da comprometterne la funzionalità.
Qui di seguito si cercherà di fare maggiore chiarezza in merito, cercando di illustrare brevemente quali potrebbero essere i parametri elettrici che identificano un buon connettore F nonché pregi e difetti delle due principali famiglie di prodotto reperibili in commercio.

Leggi tutto

Impianti di antenna centralizzati

La realizzazione di un perfetto impianto centralizzato è un lavoro che necessita di molta cura. E' assolutamente sconsigliato progettare impianti con materiali economici, in quanto il risparmio tra un lavoro scadente ed uno di qualità non si giustifica. Noi da sempre pensiamo che la nostra più grande risorsa pubblicitaria siano i nostri lavori.
Nei nostri impianti centralizzati utilizziamo sempre ed esclusivamente materiale tecnologicamente molto avanzato, antenne  e centrali di gamma alta, tutto sempre delle migliori marche, per offrire ai nostri clienti un lavoro di altissima qualità.

PROGETTAZIONE

Per definire il materiale da utilizzare è necessario prendere visione dell'impianto, conoscere il numero dei piani e quanti appartamenti sono presenti per ogni piano, stabilire quante prese utenza sono necessarie. A questo punto è possibile calcolando le varie attenuazioni di distrbuzione e le attenuazioni ai piani, calcolare la potenza del segnale in uscita dalla centrale di testa e quindi il modello da utilizzare, tutto questo ci permetterà di ottenere sulle dorsali un livello di segnale sufficente per una corretta distribuzione dei segnali poi presenti sulle prese, ricordando sempre, che il livello di segnale ideale e' compreso tra 57dbm e 67 dbm, misurato sulla presa di antenna.

SCELTA DEL PARCO ANTENNE

Scegliere il cosidetto "parco antenne" non e' una cosa molto semplice. Il fatto di Installare un impianto collettivo deve far optare per antenne di elevata qualità e non sempre gli installatori seguono questa semplice regola. Basta alzare gli occhi per notare che quasi tutte le antenne sono realizzate in maniera piuttosto superficiale e se guardiamo meglio e con occhi più esperti notiamo anche che molte delle regole di una corretta installazione non sono quasi mai rispettate, sarà forse per questo che molte persone diffidano di un impianto centralizzato e preferiscono un impianto singolo.
L'impianto centralizzato se correttamente realizzato, funziona sicuramente meglio di un impianto singolo.
Molto spesso ci imbattiamo in realizzazioni assolutamente inadeguate, un esempio visto molto frequentemente è l'uso eccessivo di antenne a pannello.  Le antenne vanno utilizzate secondo le necessità. a pannello quando i segnali provengono da più direzioni nell'arco di circa 120°. Si usano invece antenne direttive, quando i segnali provengono da un solo punto.
Potendo quindi disporre di un badget di spesa più alto, si dovrà cercare di massimizzare il segnale ricevuto utilizzando antenne di caratteristiche idonee e di miglior qualità possibile.

SCELTA DELLA CENTRALE 

Esistono più tipi di centrali di testa e di distribuzione

  • Banda larga Multi ingresso: ha tipicamente un CNR più basso, ha una possibilità molto limitata di equalizzazione, cui si può far fronte con dei pre-equalizzatori a blocchi di canale e/o dimensionando la distribuzione di un numero limitato di segnali tra quelli distribuiti. Può essere critico sull’intermodulazione. I sui maggiori pregi: la semplicità è il costo decisamente molto competitivo;
  • Canalizzato con amplificatore di lancio: è il classico “filtro attivo”. Fornisce buone possibilità di equalizzazione mentre il CNR risulta abbastanza scadente e ciò lo rende critico in presenza di segnali deboli. A questo si può rimediare con opportuni preamplificatori. Nell’amplificatore di lancio può essere critica l’intermodulazione, dato che il livello dei segnali non è controllato nel tempo;
  • Canalizzato di potenza: rispetto al “filtro attivo” ha il vantaggio di non necessitare dell’amplificatore di lancio e, in genere, di permettere un livello più elevato d’uscita dalla testata;
  • Canalizzato col CAG: è la soluzione in assoluto migliore dato che è l’unica a garantire nel tempo il controllo del livello d’uscita (e quindi il livello alle prese). Soluzione di prestigio, il suo costo decisamente elevato la rende utilizzabile con profitto negli impianti di grandi dimensioni.
  • Indispensabile quando si devono pilotare dispositivi a livello d’ingresso critico (ad esempio: sistemi di distribuzione in Fibra Ottica);
  • Multiswitch: utilizzato negli impianti SMATV, porta alla presa utente un segnale parzialmente preselezionato. Dato che il controllo del segnale alle singole prese deve essere totale, con la tecnologia “multiswitch” è indispensabile l’adozione di una rete a stella.

LA RETE DI DISTRIBUZIONE
La rete di distribuzione ha la funzione di portare alle prese utente il pacchetto di segnali elaborati dalla estata di distribuzione.
Le prese saranno distribuite lungo la rete a distanza variabile; i percorsi saranno quindi più o meno lunghi.

Compito della rete è di:

  • Bilanciare le attenuazioni dei segnali in modo che essi siano tutti all’interno dell’intervallo di valori stabilito dalle norme;
  • Schermare adeguatamente il segnale da possibili interferenze esterne (segnali RF in aria, rumore generato da motori elettrici a spazzola…);
  • Garantire una adeguata separazione tra le prese: un eventuale segnale che entri attraverso una presa deve essere adeguatamente ostacolato dal raggiungere le altre prese.

Utilizzando i consigli sopraesposti si otterrà sempre un lavoro eccellente, ma poi, alla fine, quello che conta e' solo una questione di esperienza e come dice un nostro illustre collega l'esperienza non si compra nei negozi.

 

MATV SMATV

Accanto ai sistemi riceventi individuali, gli impianti centralizzati d'antenna rappresentano un'importante modalità per la ricezione e la distribuzione di segnali televisivi e radiofonici a un certo numero di abitazioni, all'interno di uno stesso edificio o in stabili adiacenti.

Gli impianti centralizzati d'antenna sono anche conosciuti come sistemi MATV (Master Antenna Television) e SMATV (Satellite Master Antenna Television).

I primi sono usati per la distribuzione dei segnali terrestri, mentre nei secondi vengono distribuiti i segnali ricevuti da satellite, eventualmente combinati con i segnali terrestri.

Essi rappresentano un mezzo per la condivisione delle risorse tra diversi utenti ai fini della fruizione dei servizi e possono contribuire alla valorizzazione dell'edificio e dei singoli appartamenti.

Altri articoli...