Bizzarri impianti di Videosorveglianza

Videocitofoni Hikvision

Dopo aver lanciato il sistema di controllo accessi, la Hikvision entra nel mercato dei videocitofoni e lo fa alla grande.
Progettato sulla base dei sistemi di videosorveglianza e con la mission di offrire una soluzione di sicurezza completa per applicazioni residenziali ed aziendali, l'azienda cinese Hikvision si propone come Total Solution Provider come unico marchio per: la videosorveglianza, (dove è da anni leader incontrastato) i sistemi antifurto, (dopo l'acquisizione di Pyronix, marchio leader del mercato in sensoristica e centrali radio ad alte prestazioni) e controllo accessi, (soluzioni all'avanguardia) adesso si presenta anche nella citofonia.


Le principali caratteristiche sono:

  •     Progettazione completa della rete integrata con la tecnologia di elaborazione video/audio consolidata di Hikvision
  •     Facilità di installazione, adotta il cavo Cat5 ed uno switch di rete PoE per fornire alimentazione ai dispositivi
  •     Disegno di rete in grado di supportare sia la rete cablata TCP/IP e la connessione WiFi senza fili
  •     Il monitor interno può collegarsi alle telecamere IP dell'impianto di videosorveglianza, tramite la connessione wireless
  •     Interfaccia utente semplice ed elegante
  •     Progettazione e integrazione di videocitofono e videosorveglianza
  •     Fornisce funzionalità estese, tra le quali la chiamata videocitofonica girata sull'APP del telefonino ed il supporto per l'integrazione dei sistemi intelligenti di casa;
  •     Supporta la funzione VoIP, nessun conflitto tra funzione telefonica e citofono video
  •     Supporta il servizio cloud di Hikvision

Diverso dai produttori di videocitofoni tradizionali, Hikvision è il numero uno in Cina, il terzo produttore di sicurezza più grande del mondo, ha profonde conoscenze nel campo della videosorveglianza, affinché molti altri concorrenti non possano competere.